Testata  

MONSIGNOR GIOVANNI BARBARESCHI, RIBELLE PER AMORE, CI HA LASCIATO

MONSIGNOR GIOVANNI BARBARESCHI, RIBELLE PER AMORE, CI HA LASCIATO

Monsignor Giovanni Barbareschi, ribelle per amore, ci ha lasciato

Esprimo a nome dell'ANPI Provinciale di Milano profondo cordoglio per la scomparsa di Monsignor Giovanni Barbareschi, Ribelle per amore, Medaglia d'argento della Resistenza, avvenuta nel pomeriggio di giovedì 4 ottobre. 
Don Giovanni Barbareschi è stato tra i protagonisti del giornale clandestino cattolico “Il Ribelle”, uscito tra il 1943 e il 1945, alla redazione del quale parteciparono Teresio Olivelli, Carlo Bianchi, Claudio Sartori e lo stampatore Franco Rovida.
La nascita del Ribelle era motivata dal desiderio di edificare una nuova società, rinnovata profondamente sotto il profilo etico, e dal rifiuto dello stato autoritario fascista, giudicato come negazione della persona.
Volevamo ribellarci al fascismo e alla Repubblica di Salò – sosteneva don Barbareschi - e tutto quello che si poteva fare lo abbiamo fatto”.
Nella abitazione di via Eustachi 24, dove viveva con la madre, don Barbareschi stampava documenti falsi per  chi cercava di fuggire dal regime nazifascista.
Don Giovanni Barbareschi ha partecipato al movimento scoutista delle Aquile Randagie, messo al bando dal regime fascista nel 1928, che si dava appuntamento clandestino ogni domenica, a Milano, alla Loggia dei Mercanti.
Poco dopo il dicembre del 1943 gli scout avrebbero dato vita ad Oscar, l'organizzazione che rese possibile gli espatri degli ebrei e degli antifascisti in Svizzera.
Per avere salvato tantissimi ebrei e antifascisti don Barbareschi è stato riconosciuto Giusto tra le nazioni.
Fu lui, non ancora ordinato sacerdote, a dare la benedizione ai 15 Martiri di Piazzale Loreto, il 10 agosto del 1944. «I corpi dei partigiani fucilati – ricordava don Barbareschi - erano rimasti esposti tutto il giorno come monito per gli operai e per i milanesi. Mi inginocchiai e quando mi alzai vidi una piazza piena di gente inginocchiata».
Don Barbareschi fu arrestato la sera del 15 agosto 1944.
Quel giorno aveva celebrato la sua prima messa e poi era andato al carcere di San Vittore, per trattare con un capitano della polizia fascista la liberazione di un camion di deportati.
Fu imprigionato a San Vittore e sottoposto a pesantissimi interrogatori. Nella bellissima prefazione alla ristampa del Ribelle don Barbareschi scrive: “Il fascismo non è solo una dottrina o un partito, una camicia nera o un saluto romano. Il fascismo è un modo di vivere, un modo di concepire l'esistenza che è sempre in agguato, dentro e fuori di noi. E' un modo di vivere nel quale ci si piega a falsi servilismi per amore di quieto vivere e di carriera. E' una mentalità nella quale teniamo più all'apparenza che all'essere. E' una mentalità nella quale un superiore non è mai amato, ma solo temuto e a lui si chiede una cieca benevolenza. Il faraone non è stato eliminato. Ne sono succeduti altri, ugualmente oppressori, anche se non si presentano più armati di mitra, ma padroni di mass-media. L'esperienza mi ha insegnato che la liberazione è sempre una meta da realizzare ogni giorno. Non ci sono liberatori, ma uomini che si liberano. La Resistenza fa corpo con lo stesso essere uomo". Continuando il discorso delle Beatitudini, non avrei paura ad affermare: “Beato colui che sa resistere.” 


Roberto Cenati
Presidente ANPI Comitato Provinciale di Milano

ANED_Milano, addio Mons. Giovanni Barbareschi - animatore de "Le Aquile Randagie"

Milano, 5 ottobre 2018

 

La camera ardente, in via Statuto 4 a Milano, sarà aperta al pubblico sabato 6 e domenica 7 ottobre dalle 10 alle 18. 
I funerali saranno celebrati lunedì 8 ottobre alle ore 11 a Milano nella chiesa S. Pio V e S. Maria di Calvairate (via Lattanzio, 60).

 

Estremo saluto a don Giovanni Barbareschi, ribelle per amore  

Questa mattina nella Chiesa di San Pio V abbiamo dato l'estremo saluto a don Giovanni Barbareschi, con una cerimonia intensa, toccante e commovente.
Voglio ricordare don Giovanni con le parole da lui scritte nella prefazione alla riedizione del periodico clandestino “Il Ribelle”, del quale uscirono 26 numeri tra il 1943 e il 1945:
“Eravamo un piccolo gruppo e volevamo che il nostro giornale fosse una palestra per rendere coscienti della situazione presente e aiutare la crescita di ogni persona. Eravamo innamorati della libertà. Eravamo convinti che la distinzione tra uomini atei o credenti fosse una distinzione culturale. Per noi la terminologia più universale era diversa, era quella che troviamo nella Bibbia: uomo schiavo o uomo libero. E noi volevamo aiutare ogni uomo a raggiungere la sua libertà. Per questo ci siamo opposti a una mentalità, a un costume che ci aveva reso schiavi. Per questo ci siamo ribellati. Essere nati in un momento storico buio non ci ha tolto l'esigenza di cercare la luce”.
Grazie don Giovanni per tutto quello che hai fatto per noi.

Roberto Cenati
Presidente ANPI Comitato Provinciale di Milano

 

  08.10.18 20:00:00 , a cura di Lombardia (contattaci), categorie: Attività in Lombardia, Comunicati, Antifascismo, Resistenza, Comitati Provinciali, Libri, Resistenza, Sezioni, Novità, Memoria, Testimonianze, Commemorazioni, Cultura
Ottobre 2018
L M M G V S D
1 2 3 4 5 6 7
8 9 10 11 12 13 14
15 16 17 18 19 20 21
22 23 24 25 26 27 28
29 30 31        
 << <   > >>

L'ANPI Regionale

L'ANPI Regionale della Lombardia ha sede a Milano in via Federico Confalonieri, 14 (MM2 Verde - Gioia o Garibaldi) - (MM5 Lilla - Isola), tel. 0276020620, 0276023372 / 73 (maggiori informazioni)

ANPI Lombardia su Facebook

Cerca tra le pagine della Lombardia

Credits: PHP framework