Menu:

galleria fotografica

GALLERIA
FOTOGRAFICA


       

 
Lista Editoriali precedenti:

Vai all’intera lista dei corsivi pubblicati

Editoriali precedenti

 
Contattaci:

Se desideri approndire, conoscere,dibattere,o segnalarci fatti, luoghi sulla Resistenza di ieri … e di oggi, scrivici al seguente indirizzo e-mail voghera@anpi.it

Links:

Solidarietà e pace

arrow Peacelink
arrow Unimondo
Diritti dell'Uomo
arrow Emergency
Resistenza e Memoria
arrow ANPI sito Nazionale
arrow ANPI Provinciale Pavia
arrow ANPI Pavia sez. "Onorina Pesce Brambilla"
arrow ANPI Barona
arrow ANPI Piacenza
arrow ANPI Bologna
arrow I luoghi del ricordo nell’Oltrepò Pavese in memoria dei Caduti per la Libertà
arrow ANED
arrow CDEC
arrow Osservatorio Democratico sulle
nuove destre




   C’era… una volta Fortebraccio

 

 

Prendendo spunto dai "corsivi" di
"Fortebraccio" (pseudonimo del grande editorialista Mario Melloni ), è nostra intenzione dare risalto, in questa sezione,
a vecchi e nuovi editoriali che, per le loro
ficcanti puntualizzazioni, a volte ironiche
a volte taglienti, ci diano una chiara chiave
di lettura
per meglio interpretare
le vicende del nostro paese.

 

 

Dal suo blog personale un intervento lucidissimo ed amaro di Lorenzo Guadagnucci, sulle recenti nomine ministeriali ad esponenti delle forze dell'ordine presente durante i "fatti" di Genova 2001.
Guadagnucci giornalista, del Quotidiano nazionale a Firenze fu coinvolto nel pestaggio della scuola Diaz. È stato tra i promotori del "Comitato Verità e Giustizia per Genova" e del gruppo "Giornalisti contro il razzismo". Le sue pubblicazioni spaziano dai libri sul commercio equo e solidale (La crisi di crescita. Le prospettive del commercio equo e solidale), le forme di altreconomia (Dalla parte sbagliata del mondo. Da Barbiana al consumo critico: storia e opinioni di un militante), sul G8 di Genova (Noi della Diaz. La «notte dei manganelli»). Nel 2016 ha pubblicato Era un giorno qualsiasi. Sant'Anna di Stazzema, la strage del '44 e la ricerca della verità. Una storia lunga tre generazioni.
Questo editoriale (del 26 dicembre 2017) è ripreso dal sito "noidelladiaz" ha per titolo: