Testata  

BERGAMO, “100 SOGNI MORTI SUL LAVORO"

CGIL, CISL e UIL di Bergamo, Biblioteca “Di Vittorio” CGIL, in collaborazione con l’Azienda Ospedaliera Papa Giovanni XXIII di Bergamo, annunciano L’INAUGURAZIONE DELL’INSTALLAZIONE DI GIANFRANCO ANGELICO BENVENUTO e il IL CONVEGNO - “Per continuare a sognare, più prevenzione per la sicurezza”.

COMUNICATO
“100 SOGNI MORTI SUL LAVORO”: SABATO 28 SETTEMBRE 203 AL NUOVO OSPEDALE L’INAUGURAZIONE DELL’INSTALLAZIONE DI GIANFRANCO ANGELICO BENVENUTO
I sindacati: “Perché il lavoro non si coniughi mai con le parole ‘morte o malattia’”.
Fino a domenica 6 ottobre in esposizione. Il 4 ottobre un convegno/seminario

Bergamo, venerdì 20 settembre 2013

Dedicata alle morti bianche, ispirata al ‘Quarto Stato’ di Pellizza da Volpedo, allestita con 100 manichini in tuta da lavoro, arriva a Bergamo la grande installazione dell’artista friulano Gianfranco Angelico Benvenuto per un evento fortemente voluto dalle confederazioni sindacali negli spazi del nuovo ospedale: CGIL, CISL e UIL provinciali, la Biblioteca “Di Vittorio” CGIL in collaborazione con l’Azienda Ospedaliera Papa Giovanni XXIII di Bergamo presentano “100 sogni morti sul lavoro” e invitano lavoratori, lavoratrici, le istituzioni e tutti i cittadini all’inaugurazione dell’opera in programma sabato 28 settembre, alle ore 11, lungo la Hospital Street dell’ospedale (angolo tra le torri 2 e 3).

Sarà possibile visitare l’installazione fino a domenica 6 ottobre. Per tutto il periodo della mostra si svolgeranno visite guidate per le scolaresche: ad accompagnare gli studenti saranno i Rappresentanti dei Lavoratori alla Sicurezza Territoriali (RLST). Per il 4 ottobre, inoltre, è previsto un convegno/seminario per RLS e RLST dal titolo ““Per continuare a sognare, più prevenzione per la sicurezza” (i dettagli nel programma qui sotto).

“Abbiamo scelto gli spazi del nuovo ospedale, luogo in cui si salvano le vite e si curano le persone, perché ci è sembrato lo spazio perfetto per sensibilizzare la cittadinanza su un tema importante come quello della salute e della sicurezza nei luoghi di lavoro” hanno detto Luciana Fratus della CGIL, Giacomo Meloni della CISL e Amerigo Cortinovis della UIL di Bergamo. “L’ultima morte in ordine di tempo avvenuta a seguito di un infortunio sul lavoro è stata registrata proprio questa settimana: a perdere la vita è stato il tecnico di un’azienda chimica coinvolto in un’esplosione. Quest’esposizione e il seminario del 4 ottobre al Papa Giovanni XXIII fanno parte delle iniziative che da tempo portiamo avanti a suon di formazione e sensibilizzazione, ponendo al centro la prevenzione, affinché il lavoro non si coniughi più con le parole ‘morte’ o ‘malattia’”.
“Ospitare questa mostra ha un duplice valore” commenta il direttore generale del Papa Giovanni XXIII Carlo Nicora, “da un lato perché l’ospedale è luogo di cura ma anche di cultura, dall’altro perché i temi della prevenzione e della promozione della salute sono la prima risposta ai bisogni di salute delle persone. Per questo siamo orgogliosi di poter offrire una grande visibilità all’evento, con oltre diecimila persone che ogni giorno varcano i nostri ingressi".

“Quello di Pellizza da Volpedo e del suo ‘quadro sociale’, ‘Il quarto Stato’, era il messaggio – come scrisse lui stesso - ‘dell’’avanzarsi fatale dei lavoratori’: una massa di uomini e di donne che si lascia la notte alle spalle per andare verso un futuro luminoso. Una citazione che, a cento anni di distanza, diventa esplicita ma disperata nell’opera di Benvenuto, dove i compagni di viaggio sono una folla di fantasmi in tuta da lavoro, quella che dalle nostre parti è chiamato familiarmente ‘il toni’” spiega Eugenia Valtulina della Biblioteca “Di Vittorio”. “I loro indumenti portano il segno tangibile ed evidente di un percorso travagliato, che si è indurito ulteriormente in questi anni segnati dalla crisi. Un popolo che avanza, privo di faccia, piedi, testa: sono vittime del lavoro, sono 100 sogni morti sul lavoro. Nell’opera dell’artista friulano è esplicito il ricordo di chi sul lavoro ha perso la vita, ma anche di chi è morto perché il lavoro non ce l’ha più o non l’ha trovato. Un ricordo che queste tute-fantasma traducono in affermazione, perché il lavoro è motore d’identità, di civiltà, il lavoro è necessario per esserci. La battaglia perché il lavoro non si coniughi mai alla morte o alla malattia è all’origine delle prime forme di sindacalismo, alla base della nascita del mutualismo e caratterizza la storia del movimento operaio: anche per questo, la sicurezza è stata scelta come tema per l’annuale settimana degli archivi e delle biblioteche CGIL, qui a Bergamo unitariamente a CISL e UIL. A noi è sembrato che l’opera di Benvenuto, già esposta per le vie di Udine e in piazza Duomo a Milano, fosse esemplare per sottolineare un impegno centenario, ma ancora lontano dall’essere concluso”.

In allegato, un’immagine dell’installazione.

IL CONVEGNO - “Per continuare a sognare, più prevenzione per la sicurezza”
venerdì 4 ottobre 2013, ore 14,00
Ospedale Papa Giovanni XXIII (torre 7, ingresso 55)
interventi di:
• Pina Zottola, Asl di Bergamo
• Cinzia Colombo, Inail di Bergamo
• Giovanni Mosconi, Medicina del Lavoro
• Luciana Fratus, CGIL Bergamo
• Giacomo Meloni, CISL Bergamo
• Amerigo Cortinovis, UIL Bergamo
segue dibattito

Per informazioni e per prenotare le visite guidate scolastiche con i Rappresentanti dei lavoratori alla sicurezza territoriali - RLST: CGIL 035.3594240, CISL 035.324131, UIL 035.247819.

  04.10.13 14:00:00 , a cura di Lombardia (contattaci), categorie: Commenti e dibattiti, Comunicati, Novità, Memoria, Lavoro, Cultura, Mostre
Aprile 2021
L M M G V S D
      1 2 3 4
5 6 7 8 9 10 11
12 13 14 15 16 17 18
19 20 21 22 23 24 25
26 27 28 29 30    
 << <   > >>

L'ANPI Regionale

L'ANPI Regionale della Lombardia ha sede a Milano in via Federico Confalonieri, 14 (MM2 Verde - Gioia o Garibaldi) - (MM5 Lilla - Isola), tel. 0276020620, 0276023372 / 73 (maggiori informazioni)

ANPI Lombardia su Facebook

Cerca tra le pagine della Lombardia

Credits: CMS with Bootstrap