IL 25 APRILE A MILANO: "CAMBIARE IL PAESE NEL SOLCO DELL'ANTIFASCISMO E DELLA COSTITUZIONE"

Il programma e l’appello della manifestazione nazionale. L’orazione ufficiale del Presidente del Senato, Pietro Grasso

PROGRAMMA MANIFESTAZIONI 72° ANNIVERSARIO DELLA LIBERAZIONE

Giovedì 20 aprile 2017 Ore 10,00 cerimonia al Campo della Gloria con deposizioni di corone a ricordo dei partigiani, dei militari italiani caduti nella Guerra di Liberazione, dei cittadini milanesi deportati nei lager nazisti a seguito della opposizione al regime nazifascista e della persecuzione antisemita.

di seguito le immagini della cerimonia

  1. https://youtu.be/irQYEsxNnLQ
  2. https://youtu.be/whoBFOXMBr4

 

Interverranno:

  • Rappresentanti delle Istituzioni (Comune, Città Metropolitana, Regione Lombardia);
  • Il Comandante del Presidio Militare;
  • Un rappresentante della Diocesi milanese;
  • Il Rabbino capo di Milano;
  • Mario Artali Presidente nazionale della FIAP a nome delle Associazioni Partigiane combattentistiche;

Si invitano le nostre sezioni di base ad organizzare la massima partecipazione degli iscritti.

Si invitano le nostre sezioni di base a portare le bandiere dell’ANPI e la bandiera italiana.

L’ANPI Provinciale di Milano mette a disposizione un minibus per recarsi al Cimitero Maggiore:

Ritrovo ore 8,45: Via Volturno angolo Federico Confalonieri (MM5 lilla - Isola) c/o CASA DELLA MEMORIA
Partenza ore 9,00: destinazione Cimitero Maggiore Musocco.
Ritorno ore 11,30 circa Via Volturno angolo Federico Confalonieri

Si raccomanda la massima puntualità.

 

Martedì 25 aprile 2017 Deposizione di corone alle lapidi e monumenti che ricordano i Caduti per la Libertà:

ore 9,00 piazza Tricolore, Monumento alla Guardia di Finanza;

ore 9,15 Palazzo Isimbardi, lapide che ricorda i Caduti in guerra;

ore 9,30 Palazzo Marino, lapide riproducente la motivazione della Medaglia d’Oro al Valor Militare alla Città di Milano;

ore 10,00 piazza Sant’Ambrogio, Sacrario dei Caduti di tutte le guerre;

ore 10,15 Campo Giuriati, omaggio ai Martiri del Campo Giuriati;

ore 10,30 piazzale Loreto, omaggio ai Quindici Martiri.

MANIFESTAZIONE CENTRALE

Concentramento dei partecipanti al corteo lungo corso Venezia a partire dalle ore 14,00. Il corteo raggiungerà piazza Duomo percorrendo le vie del centro città.

Ore 15,30 palco piazza Duomo

Interventi di:

  • Giuseppe Sala, Sindaco di Milano;
  • Carlo Smuraglia, Presidente nazionale dell’ANPI;
  • Carmelo Barbagallo, Segretario generale della UIL;
  • Awa Kane, migrante;
  • Giuliano Banfi, Vicepresidente dell’ANED di Milano;
  • Pietro Grasso, Presidente del Senato.

Introduce e coordina: Roberto Cenati, Presidente del Comitato Permanente Antifascista.

Al termine della manifestazione il coro “Suoni e l’ANPI” intonerà Bella Ciao.

 

APPELLO DEL COMITATO PERMANENTE ANTIFASCISTA CONTRO IL TERRORISMO PER LA DIFESA DELL’ORDINE REPUBBLICANO

Cambiare il Paese nel solco dell’antifascismo e della Costituzione

La Costituzione, di cui quest’anno ricorre il settantesimo anniversario dell’approvazione, è nata dalla Resistenza che è il fondamento storico dello Stato nel quale viviamo, della Repubblica, della democrazia in Italia. Tutti gli articoli della Costituzione rivelano la preoccupazione, sentita dai Costituenti, di non ricadere negli errori e nella vergogna provocati dall’avvento del fascismo nel nostro Paese. Ma dalla Costituzione emerge netta anche la volontà, l’impegno di trasformare il presente, di camminare nella direzione di un profondo cambiamento del Paese. A settant’anni di distanza dalla data della sua approvazione, la nostra Carta Costituzionale attende ancora di essere pienamente attuata nei suoi princìpi fondamentali. Siamo di fronte, nel nostro Paese, travagliato da una gravissima crisi economica, ad una pesantissima caduta dell’etica pubblica, al manifestarsi quasi quotidiano di fenomeni di corruzione. La conseguenza inevitabile di questa deriva è costituita dalla perdita di fiducia e dal diffondersi di un acuto disinteresse da parte dei cittadini nei confronti delle istituzioni e della politica. Il distacco dei cittadini dalle istituzioni e dalla politica va affrontato con una profonda rigenerazione della politica che favorisca anche, in ogni forma, la partecipazione, che è il vero sale della democrazia. Al lavoro, valore fondante della Repubblica, deve essere restituito il suo ruolo e la sua dignità, eliminando il contrasto stridente tra i princìpi costituzionali e la durissima realtà del nostro Paese. I giovani, in particolare, avvertono drammaticamente il disagio di non poter accedere al mondo delle professioni, di dare dunque fattivo sviluppo alle proprie capacità in coerenza coi sacrifici messi in campo per studiare e ottenere competenze. Occorre ribadire ancora una volta che i valori a cui ispirarsi sono solo e sempre quelli di una democrazia fondata sulla rappresentanza, sulla partecipazione, sull’equilibrio dei poteri, sul rispetto della persona umana e della legalità, da parte di tutti.

 

Non è più tollerabile, inoltre che si ripetano, con sempre maggiore frequenza, nel nostro Paese, manifestazioni di movimenti neofascisti, antisemiti e xenofobi, in netto contrasto col principio di eguaglianza e col carattere antifascista della Costituzione repubblicana. Nella ricorrenza del settantaduesimo anniversario della Liberazione e del 70° anniversario dell’approvazione della Costituzione Repubblicana, dobbiamo assumere l’impegno solenne a realizzare gli ideali per cui tanti sacrifici sono stati compiuti dai Combattenti per la Libertà e a tradurre nella realtà i valori contenuti nella nostra Costituzione, consegnando ai giovani la speranza di un futuro migliore, in un’Italia libera e democratica e in un’Europa unita e sociale. Il nostro Continente attraversato da un pericoloso rifiorire di movimenti antisemiti, xenofobi e razzisti deve ritrovare lo spirito che fu, sessant’anni fa, all’origine della sottoscrizione dei Trattati di Roma in nome dei grandi ideali di pace, di libertà, di democrazia, ponendo al primo posto, il dovere della solidarietà e dell’accoglienza nei confronti delle centinaia di migliaia di esseri umani che fuggono dalle guerre e dalla fame e che cercano rifugio nei Paesi europei.

Non ci sono ancora commenti

I commenti non sono permessi ai visitatori (occorre effettuare il login).

Giugno 2017
L M M G V S D
 << <   > >>
      1 2 3 4
5 6 7 8 9 10 11
12 13 14 15 16 17 18
19 20 21 22 23 24 25
26 27 28 29 30    

L'ANPI Regionale

L'ANPI Regionale della Lombardia ha sede a Milano in via Federico Confalonieri, 14 (MM2 Verde - Gioia o Garibaldi) - (MM5 Lilla - Isola), tel. 0276020620, 0276023372 / 73 (maggiori informazioni)

ANPI Lombardia su Facebook

Cerca tra le pagine della Lombardia

Credits: blog tool | cheaper hosting | authors