Testata  

51 ANNI DOPO NON ABBIAMO DIMENTICATO

51 ANNI DOPO NON ABBIAMO DIMENTICATO

In diretta streaming mercoledì 16 ore 21,00  proiezione del documentario di Alberto Roveri su Giuseppe Pinelli.

Lo presentano:

CLAUDIA PINELLI

ALBERTO ROVERI

CONDUCE JONATHAN CHIESA (ANPI NIGUARDA)

Certo, ai giovani di oggi il nome della 18 vittima di Piazza Fontana non dirà molto ma siamo ancora in tanti a ricordare ancora molto bene la strage fascista di Piazza Fontana in quel lontano pomeriggio del 12 dicembre 1969.
E ricordiamo anche quello che ne seguì. Le indagini rivolte a forza sugli anarchici accusati, con la sinistra, di essere i colpevoli di quei 17 morti. L’arresto di Valpreda , il fermo del ferroviere Pino Pinelli, e la sua morte in questura in via Fatebenefratelli, precipitando dal quarto piano dell’ufficio dove era interrogato da 5 uomini. I depistaggi per sviare le indagini sulla strage e poi la “strategia della tensione”, il tentativo di creare con le bombe (la cui responsabilità era addossata alla sinistra) il clima per instaurare un regime militare di destra come nella Grecia dei Colonnelli.
Preso nel mezzo di questi avvenimenti Giuseppe Pinelli fu coinvolto in una storia più grande di lui e ne fu stritolato.
Per lunghi decenni la moglie Licia non ha mai smesso di chiedere verità e giustizia. Il comportamento suo e quello della famiglia Pinelli è stato esemplare, all’altezza del comportamento delle persone migliori di questo paese. Non abbiamo mai sentito dire una parola fuori posto, la dignità e riservatezza hanno lasciato il segno su molte persone per bene che non hanno mai dimenticato lei e il dramma di questa famiglia. Ricevendole 40 anni dopo i fatti, al Quirinale insieme alla vedova Calabresi, il Presidente della Repubblica Giorgio Napolitano ha dichiarato “Rispetto ed omaggio, quindi, per la figura di un innocente, Giuseppe Pinelli, che fu vittima due volte, di infondati sospetti e di una ingiusta fine....”
Vi invitiamo a vedere il bel documentario di Alberto Roveri, fotoreporter di Panorama oggi in pensione da sempre amico dei Pinelli.
Nel documentario (40 minuti ) Licia vince la sua ritrosia a parlare in pubblico di quei fatti e ci racconta quei giorni con la lucidità e la costernazione di sempre.
Le figlie Claudia e Silvia invece arricchiscono di aneddoti la vita di una famiglia bella e accogliente come usava a quei tempi, e che fu spazzata via dalla strage fascista e da chi ci stava dietro.
Raccontava Alberto Roveri di come dopo aver inutilmente insistito per anni fosse riuscito a convincere Licia a testimoniare ormai ultraottantenne: per permettere ai nipoti di avere la giusta versione di questa storia direttamente dalla sua voce, per non perderne la giusta memoria.

Buona visione

CLICCA QUI PER VEDERE IL DOCUMENTARIO PAGINA FACEBOOK ANPI NIGUARDA

  16.12.20 21:00:00 , a cura di Lombardia (contattaci), categorie: Attività in Lombardia, Commenti e dibattiti, Iniziative, Sezioni, Novità, Memoria, Testimonianze, Anniversari, Neofascismo, Democrazia, Cultura, Terrorismo
Aprile 2021
L M M G V S D
      1 2 3 4
5 6 7 8 9 10 11
12 13 14 15 16 17 18
19 20 21 22 23 24 25
26 27 28 29 30    
 << <   > >>

L'ANPI Regionale

L'ANPI Regionale della Lombardia ha sede a Milano in via Federico Confalonieri, 14 (MM2 Verde - Gioia o Garibaldi) - (MM5 Lilla - Isola), tel. 0276020620, 0276023372 / 73 (maggiori informazioni)

ANPI Lombardia su Facebook

Cerca tra le pagine della Lombardia

Credits: Bootstrap back-end