Testata  

77° ANNIVERSARIO DELLA BATTAGLIA DI MEGOLO

77° ANNIVERSARIO DELLA BATTAGLIA DI MEGOLO

Nel 77° Anniversario della Battaglia di Megolo 1944-2021 e in ricordo del sacrificio dei partigiani caduti a Megolo il 13 febbraio 1944:

·         Carlo ANTIBO,

·         Filippo Maria BELTRAMI (medaglia d’oro al valor militare),

·         Bassano Paolo BRESSANI,

·         Aldo CARLETTI,

·         Gianni CITTERIO (medaglia d’oro al valor militare),

·         Angelo CLAVENA,

·         Bartolomeo CREOLA,

·         Antonio DI DIO (medaglia d’oro al valor militare),

·         Cornelio GORLA,

·         Paolo MARINO,

·         Gaspare PAJETTA (medaglia d’argento al valor militare),

·         Elio TONINELLI

Città di Omegna - Comune di Pieve Vergonte - ANPI, Comitato Provinciale del Verbano Cusio Ossola Sezione di Omegna e Zona Cusio, e Sezione di Pieve Vergonte - FIVL, organizzano sabato 13  e domenica 14 febbraio 2021 le seguenti manifestazioni.

 

La battaglia di Megolo, “seme” della Resistenza tra Cusio e Ossola. Il 13 febbraio 1944 la formazione guidata dal capitano Filippo Maria Beltrami decise di non ritirarsi di fronte alla SS Polizei tedesca. Quel giorno, in un alpeggio sopra il paesino di Megolo di Mezzo, “il capitano” decise di dare battaglia: accettò lo scontro con i tedeschi della SS Polizei. Nello scontro morirono dodici partigiani: Carlo Antibo, Bassano Bressani, Angelo Clavena, Bartolomeo Creola, Cornelio Gorla, Paolo Marino, Elio Toninelli. E poi Beltrami, Gianni Citterio “Redi” e Antonio Di Dio, che ebbero tutti e tre la medaglia d’oro al valor militare alla memoria, e Gaspare Pajetta, che ebbe quella d’argento.

La formazione di Beltrami – che si era costituita non in Ossola, ma a Cireggio, sopra a Omegna – aveva tante radici diverse, c’erano ragazzi del posto e altri venuti dal Milanese, dal Lodigiano, dal Torinese, c’erano ex soldati come lo stesso Beltrami (che nella vita però era architetto) o i fratelli Di Dio. C’erano anche visioni politiche diverse, dai cattolici monarchici ai comunisti.

Dopo la battaglia, le strade dei sopravvissuti di quel gruppo si divisero: così ad esempio Alfredo Di Dio costituì la “Valtoce”, sopra Ornavasso, il giovane Gino Vermicelli fu tra i garibaldini che costituirono la divisione Garibaldi Ossola intitolata a “Redi”. Prese il nome di “Gruppo Patrioti Filippo Beltrami” la formazione che diventerà Divisione, sotto il comando del tenente Bruno Rutto. 

  14.02.21 11:56:00 , a cura di Lombardia (contattaci), categorie: Novità
Marzo 2021
L M M G V S D
1 2 3 4 5 6 7
8 9 10 11 12 13 14
15 16 17 18 19 20 21
22 23 24 25 26 27 28
29 30 31        
 << <   > >>

L'ANPI Regionale

L'ANPI Regionale della Lombardia ha sede a Milano in via Federico Confalonieri, 14 (MM2 Verde - Gioia o Garibaldi) - (MM5 Lilla - Isola), tel. 0276020620, 0276023372 / 73 (maggiori informazioni)

ANPI Lombardia su Facebook

Cerca tra le pagine della Lombardia

Credits: Responsive CMS