Testata  

NO ALLA FESTA DEL SOLE DI LEALTÀ E AZIONE - revocata la festa

Revocata la festa del sole di Lealtà e Azione a Bubbiano

 

Da diversi giorni il movimento neofascista di Lealtà e Azione si proponeva di organizzare in Lombardia la cosiddetta festa del sole.
Dopo il diniego del Comune di Cassano Magnago in Provincia di Varese, Lealtà e Azione aveva momentaneamente ottenuto l’utilizzo di un’area pubblica nel Comune di Bubbiano, in provincia di Milano. Il via libera all’iniziativa era stata data, all’insaputa dell’Amministrazione Comunale, da un privato al quale, da tempo, è stata affidata dal Comune la gestione dello spazio.
Non appena venuta a conoscenza del fatto, l’ANPI Provinciale di Milano si è messa in contatto con il Sindaco e con la Questura di Milano per impedire che a Bubbiano si possa svolgere nella giornata di oggi, sabato 1 luglio, l’iniziativa di Lealtà e Azione. Agli organizzatori della Festa è stata poco fa ufficialmente comunicata, dalle Forze dell’Ordine, la revoca della provocatoria iniziativa.
E’ questo un primo importante risultato ottenuto dalla mobilitazione dell’ANPI Provinciale di Milano e delle realtà democratiche e antifasciste. Continueremo a vigilare nelle prossime ore, confidando nella presenza delle Forze dell’Ordine, indispensabile perchè il divieto imposto a Lealtà e Azione sia ottemperato.

Milano, 1 Luglio 2017
Roberto Cenati – Presidente ANPI provinciale di Milano

 

L’ANPI Provinciale di Milano giudica con estrema preoccupazione i risultati della recente tornata amministrativa che ha visto l’elezione di rappresentanti di Casa Pound in alcuni Consigli Comunali.

A Monza, il candidato della coalizione di centro-destra, poi eletto sindaco, si è avvalso del sostegno dei neofascisti di Lealtà e Azione. Ora si rischia di vedere esponenti di Lealtà e Azione al governo di Monza, la terza città più importante della Lombardia per numero di abitanti.

Per venerdì e sabato primo luglio Lealtà e Azione organizzerà in provincia di Milano, una sorta di raduno al quale dovrebbe partecipare un esponente della casa editrice AR fondata da Franco Freda, riconosciuto responsabile con Giovanni Ventura della strage di piazza Fontana, con sentenza della Corte di Cassazione del 2005, ma non più processabile perchè precedentemente assolto in via definitiva, per insufficienza di prove. Già nel maggio scorso la Casa editrice AR, in accordo con il circolo di estrema destra “Ordine Futuro Pavia", aveva provocatoriamente promosso presso il Collegio Lorenzo Valla dell’Università di Pavia, la presentazione di un libro dal taglio apertamente xenofobo e razzista.

A settantadue anni dalla Liberazione dal nazifascismo chiediamo alle istituzioni, alle pubbliche autorità di intervenire per impedire lo svolgimento di manifestazioni organizzate da realtà la cui ideologia razzista e antisemita si pone in aperto contrasto con i principi della Costituzione repubblicana nata dalla Resistenza.

Milano, 29 Giugno 2017

 

Roberto Cenati
Presidente ANPI Comitato Provinciale di Milano

  07.07.17 10:00:00 , a cura di Lombardia (contattaci), categorie: Attività in Lombardia, Commenti e dibattiti, Comunicati, Antifascismo, Resistenza, Comitati Provinciali, Sezioni, Novità, Memoria, Neofascismo, Cultura
Dicembre 2022
L M M G V S D
      1 2 3 4
5 6 7 8 9 10 11
12 13 14 15 16 17 18
19 20 21 22 23 24 25
26 27 28 29 30 31  
 << <   > >>

L'ANPI Regionale

L'ANPI Regionale della Lombardia ha sede a Milano in via Federico Confalonieri, 14 (MM2 Verde - Gioia o Garibaldi) - (MM5 Lilla - Isola), tel. 0276020620, 0276023372 / 73 (maggiori informazioni)

ANPI Lombardia su Facebook

Cerca tra le pagine della Lombardia

Credits: CMS