Testata  

Far vivere la storia ed i valori della Resistenza

Il Comitato Regionale dell’ANPI Lombardia ha scritto ai Presidenti del Senato sen. Marini , della Camera on.Bertinotti, della Rai Petruccioli e al Direttore Cappon ritenendo sbagliata la realizzazione di un serial-avviata dalla Rai-su “il sangue dei vinti".

DOCUMENTO APPROVATO DAL REGIONALE ANPI LOMBARDIA

- On.le Claudio Petruccioli
Presidente RAI
- Dott. Claudio Cappon
Direttore generale RAI
-Sen. Franco Marini
Presidente Senato
-On.le Fausto Bertinotti
Presidente Camera dei
Deputati



Il Comitato Regionale dell’A.N.P.I. della Lombardia, riunito in data 06 Dicembre 2007, ha preso atto che il 15 Ottobre 2007 il regista Soavi ha iniziato a girare- per conto della RAI - il serial “Il sangue dei vinti”, tratto dall’omonimo libro di Gianpaolo Pansa, con celebri attori e sceneggiatura dello stesso autore.
Con questa iniziativa,se il serial sarà fedele al libro, si perpetua il dolore che provocano le menzogne, reiterate e amplificate, sulle vicende di quegli anni difficili. I partigiani non hanno mai rifiutato riesami della storia recente, quando essa è compiuta con oggettività e completezza.
Invece sui banchi di scuola si impara ben poco sulla lotta di Resistenza ,con la conseguenza che intere generazioni sono ignare di una pagina storica tra le più significative e positive del popolo italiano.
Con queste iniziative si continua a svilire il movimento di Resistenza e i sacrifici di tanti giovani che persero la loro vita per liberare l’Italia dai regimi nazista e fascista.
Con questo “serial” si persegue ancora l’obiettivo della parificazione tra i carnefici fascisti e le loro vittime.
Richiamandosi ai numerosi pronunciamenti dei Presidenti della Repubblica, i partigiani rispettano il dolore per tutti i deceduti, ma non possono mai dimenticare la repressione,le rappresaglie,le torture,le deportazioni con conseguente sterminio,ed attualmente difendono le motivazioni del loro sacrificio. I Caduti nella Lotta per la Libertà non possono essere parificati a coloro che hanno attuato la repressione e le rappresaglie.
E’ incredibile che si realizzi, oggi, questo “serial” da parte della RAI, Ente pubblico di Stato, già programmato precedentemente. Tanto più che nell’ultimo periodo (i trascorsi diciotto mesi) si sono contati oltre duecento tra agguati e ferimenti di giovani antifascisti, di attentati a sedi dell’A.N.P.I. e di Associazioni democratiche, effettuati ad opera di gruppi ed organizzazioni neofasciste e neonaziste. Il tutto avvalorato dalla ricostituzione di veri e propri partiti di ispirazione nazista (Movimento nazionalsocialista), tant’è che la Procura della Repubblica di Varese ha avviato una indagine giudiziaria nei confronti dei promotori.
Rimane viva, fra i partigiani e i protagonisti della Lotta di Liberazione, la speranza dell’apporto dei cittadini, degli intellettuali, dei giovani per consolidare la memoria antifascista che altri hanno contribuito ad indebolire.
I partigiani della Lombardia fanno appello ai cittadini affinchè la memoria serva ad impedire il ritorno degli epigoni di un tragico passato.
Il Comitato Regionale A.N.P.I. Lombardia

Milano, 06 Dicembre 2007

  14.12.07 16:04:22 , a cura di Lombardia (contattaci), categorie: Attività in Lombardia
Ottobre 2023
L M M G V S D
            1
2 3 4 5 6 7 8
9 10 11 12 13 14 15
16 17 18 19 20 21 22
23 24 25 26 27 28 29
30 31          
 << <   > >>

L'ANPI Regionale

L'ANPI Regionale della Lombardia ha sede a Milano in via Federico Confalonieri, 14 (MM2 Verde - Gioia o Garibaldi) - (MM5 Lilla - Isola), tel. 0276020620, 0276023372 / 73 (maggiori informazioni)

ANPI Lombardia su Facebook

Cerca tra le pagine della Lombardia

Credits: framework